Il Museo Storico dell'Arma di Cavalleria
di Pinerolo
Back Segui il giro virtuale del Museo facendo click con il mouse sulla porta a destra. Quella a sinistra riporta nella sala precedente.

(
oppure puoi usare la pianta del museo)
Next Room


GALLERIA DEGLI STEMMI

Si richiama l’attenzione sulla collezione di bronzi collocati nelle numerose sale, di cui dispone il Museo. In questa Galleria “L’Ufficiale all’ostacolo” di Malissarda. Interessante, anche la collezione di stemmi in cotto di vari reggimenti, opera del Salvi, artista che ha creato, tra le altre opere, anche il “cavallo impennato” collocato nell’aiuola di fronte al Museo. L’artista è deceduto prima di concludere la collezione. Per onorare la sua nobile intenzione, su richiesta del Museo, la Signora Sandra Baldoni, in arte SABA, pittrice e scultrice di Pinerolo, ha realizzato e donato al Museo gli stemmi araldici: della Scuola di Cavalleria; dei trenta reggimenti e dei “Cavalleggeri di Sardegna” che costituivano la Cavalleria di linea (oggi esistono solo otto); il reggimento artiglieria a cavallo “Voloire” (dal 1° gennaio 2005 alle dipendenze della Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”); gli undici reggimenti carri dei Carristi (oggi esistono solo sei); i nove reggimenti della Cavalleria dell’Aria in forza all’Arma dal 3 ottobre 1999 al 1° dicembre 2003, (oggi ritornati autonomi con la denominazione di Aviazione dell’Esercito).

 


Ufficiale all’ostacolo

Stemmi in cotto 

Cavallo impennato

 


Stemmi Scuola, Cavalleria di linea, Cavalleggeri di Sardegna e "Voloire"  

Carristi

Cavalleria dell'aria




Next Room



Copyright © Associazione Amici del Museo Storico della Cavalleria

 

[Home Page]