Il Museo Storico dell'Arma di Cavalleria
di Pinerolo
Back Segui il giro virtuale del Museo facendo click con il mouse sulla porta a destra. Quella a sinistra riporta nella sala precedente.

(
oppure puoi usare la pianta del museo)
Next Room


LA SALA DEGLI STENDARDI

Entriamo nella sala Stendardi, cuore del Museo. Nelle due grandi vetrine sono conservati: Nella prima: al centro uno Stendardo (forma quadrata) del ‘700 del reggimento "Piemonte Reale Cavalleria", dono del Re Umberto II, ai lati due Stendardi epoca Restaurazione. Nella seconda: gli Stendardi (modello 1861) di alcuni reggimenti di Cavalleria. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, ai reggimenti di Cavalleria, non più montati, furono ritirati gli Stendardi che ora sono conservati nel Museo delle Bandiere all’Altare della Patria in Roma e sostituiti da una Bandiera di misure più ampie, eguale per tutti i Reparti e Corpi dell’Esercito. Nell’arma, nel rispetto delle tricentenarie tradizioni, si è continuato a chiamare i vessilli con l’antico termine di “Stendardo”. Il 3 ottobre 1999, a Pinerolo nella piazza Vittorio Veneto, in occasione del Raduno Nazionale dell’Associazione dell’Arma di Cavalleria il Presidente della Repubblica, al fine di legare ancor più i nuovi Cavalieri a coloro che per ben tre secoli li avevano preceduti nell’adempimento del dovere, restituiva all’arma il tradizionale Stendardo. In due vetrine sono conservati i busti in gesso di due Medaglie d’Oro al Valor Militare: il Capitano Silvano Abba, del reggimento "Savoia Cavalleria", caduto sul fronte russo a Isbuschenskij ed il Generale di Corpo d’Armata Elia Rossi Passavanti, che iniziò la carriera militare, quale volontario di truppa, nel reggimento "Genova Cavalleria": nella sua vita ottenne quattro promozioni per meriti di guerra e, vivente, due Medaglie d’Oro al Valor Militare. Sulle pareti una serie di ritratti dei Re di Sardegna e d’Italia. L’acquerello che ritrae il Re Carlo Felice, fondatore della Regia Scuola Militare di Equitazione; l’olio su tela che ritrae il Re Carlo Alberto, l’olio su tela del Re Vittorio Emanuele II (opera dell’Inganni) e l’olio su tela del Re Umberto I. Nella parete opposta al centro una vetrina con cimeli vari, a destra il Busto in bronzo del Re Vittorio Emanuele III ed a sinistra il Busto in bronzo del Re Umberto II.

 


Stendardi
epoca restaurazione (1814)


Stendardo
Piemonte Reale
del '700


Stendardi  (modello 1861)

Capitano Abba

Generale Elia Rossi Passavanti

 


Carlo Felice

Carlo Alberto

Vittorio Emanuele II 

Umberto I   

 


Umberto II 

Panoramica Vetrina : Labari, gessi, drappelle ecc.

Vittorio Emanuele III

 




Next Room



Copyright © Associazione Amici del Museo Storico della Cavalleria

 

[Home Page]